Spargi la voci

Tag del blogger

C'è vita in una goccia

  •  

    C’è vita in una goccia

    E’ stata la prima impressione che ho provato leggendo questo commento:

     

    si riferisce ad un mio post sulla bacheca, precisamente al QR riferito al sito: www.baltz.it . Cosa sia un QR, per quei 999.999.999 lettori che mi onorano di leggere i miei post, è superfluo ricordarlo. Ma è probabile che il mio nuovo ultimo lettore non sia ancora al corrente, quindi per un rapido ripasso: QR sta per Quick Response ed è una forma di codice a barre sul tipo di quelli che trovate su tanti articoli nei supermercati e per esteso in numerosi prodotti commercializzati. La sua particolare forma (invece delle barre) è generalmente usata per essere letta da un telefono cellulare (smartphone) in questa particolare forma di crittogramma (vedi google per informarsi) sono memorizzate le informazioni successivamente lette da specifici programmi. Nel nostro caso lo smartphone riporta al nuovo sito della chat di ciaoamigos. Fin qua nulla di strano, sono sviluppi conseguenziali delle innumerevoli app che popolano il mare magnum del web. Per quei pochi distratti che oltre la chat frequentano le varie pagine del sito, è probabile che non sia stata recepita la mia personale posizione verso il deus ex machina  DANNATO. Sorge, allora, precisare: non sono assolutamente d’accordo sul suo modo di gestire l’organigramma della chat ma questo non è in conflitto con il condividere le scelte tecniche circa lo sviluppo del sito. Fondamentalmente ci divide un diverso approccio al web il suo è prevalentemente tecnico, il mio è orientato anche sul sociale. Sono dell’idea che costruire un sito è come edificare un palazzo, trovare e pagare qualche team di ingegneri, per farlo non è impossibile. Il difficile è convincere le persone ad abitarlo (metaforicamente parlando), il vero business non è la costruzione ma la fruibilità, in pratica se il portiere è scorbutico, se il servizio di pulizia è carente, se la manutenzione lascia a desiderare, se il verde non è curato la voglia di abitarlo scema. Sì ma è gratis, direte voi (sorvoliamo su questo punto che in dettaglio poi di gratis non c'è niente). Verissimo ma la marea di siti che offrono qualcosa gratis dove la mettete? Capisco che l'app BALTZ non sia niente di particolarmente significativo, WhatsApp ha una platea differente (l'anonimato nel 2016 è pura illusione tutti possono crearsi alias all'infinito "garantiti da google"). FB peccato originario del social non è da meno, pedopornografia, terrorismo, prostituzione, sono spesso al centro della cronaca per pagine o  gruppi associati a questi temi. Apprezzo la buonavolontà del webmaster per i suoi esperimenti teconologici ma sono accorgimenti meccanici, come dire potenzialmente le auto di formula 1 sono tutte in grado di vincere una corsa poi ci sono gli incidenti, le gomme, i meccanici, il team. Creare un'APP o creare un sito, oggi 2016, non è difficile o miracolosa, la dura realtà è farla adottare da centinaia di migliaia di utenti; 1.000 o 10.000 o 100.000 nel web 2.0 sono numeri irrisori, tanto per esercitarsi a cosa fare da grandi... intanto son passati 10 anni, ma non disperiamo un giorno cresceremo.


Commento

2 commento
  • Ambar e myr0 like this
  • amigossiano
    amigossiano Chiedo venia per questa aggiunta, pongo la seguente domanda: i tempi cambiano, le mamme invecchiono, i bimbi crescono ecc le considerazioni sul tema potrebbero essere lunghissime ma come mai spesso cambiano i moderatori ma mai gli ADMIN? Tranne chi si è d...  altro
    il 21 aprile 2016
  • ROGERRABIT
    ROGERRABIT Tutto dipende dalla goccia........  altro
    il 24 aprile 2016 - 2 like this