Spargi la voci

Tag del blogger

La storia dell'uomo che baciava male

  • C'era una volta lei che vide lui mentre era intento a scegliere una marca di birra al supermercato poco prima dell'ora di chiusura.
    Esattamente la stessa cosa che si stava trovando a fare lei.
    Lui mise nel carrello una confezione da sei di birra doppio malto (forte, maschio, deciso, mi piace), lei una confezione da tre di birra chiara (classica con brio).

    Lui pareva non averla minimamente notata, lei fece lo slalom tra le corsie per ritrovarsi esattamente dietro di lui alla cassa veloce e.. ops.. sbottare il carrello di lui col suo per poi profondersi in scuse troppo lunghe per essere credibili.

    Lui guardò nel carrello di lei, gli spuntò un sorrisetto ed ecco che, da vero principe delle fiabe, disse l'unica cosa che lei voleva sentirsi dire: "Che ne dici se ci sediamo su una panchina al parchetto qui vicino e assaggiamo quale delle due birre sia più buona?".

    Meraviglioso, lei non se lo fece ripetere due volte e il copione si snodò senza intoppi attraverso tramonto nel parchetto, chiacchierata perfetta, quattro birre bevute e insieme alle birre lei sentiva di essersi bevuta anche il cervello tanto lui le piaceva. Che fare quindi?
    Lui non accennava a fare una qualsiasi mossa, lei, complice l'euforia dell'alcol gli chiese se gli andava di rivedersi l'indomani. Benedetta l'estate con le sue giornate lunghe e il suo mare che rende i primi appuntamenti così facili.

    Accettare per lui fu un attimo, ritrovarsi in scooter il giorno dopo verso la spiaggia un altro attimo.
    Secondo tramonto insieme, sesta birra, prime mani che si sfiorano. In lontananza violini (che suonavano solo nella testa di lei, ma vuoi mettere).

    Ore 19.52: le labbra si avvicinano, i violini diffondono Debussy, gli occhi si incatenano.
    E parte una lingua che un camaleonte avrebbe invidia. Un metro di lingua, peraltro usata male.

    Eccola lì la fregatura. Eccolo uno degli uomini che proprio non sanno baciare ed ecco lo sconforto che avanza, perchè tu, ragazza, lo sai che se non ti piace come bacia, ma dove vuoi andare a parare? Sai che andrà sempre peggio. E' un po' come quelli che vogliono fare un figlio per salvare una relazione finita, non andrà meglio.

    E io che non sono più una bambina ma la protagonista di questa triste storia ho fatto quello che una ragazza non dovrebbe fare ma a volte si rivela più utile dello spray al peperoncino. Ho cancellato tutto: numeri, contatto Facebook, e mi sono resa introvabile.

    Chissà quanto avrà parlato male di me quella lingua lunga...

     

    ps. E' una delle sfortune più grandi che possano capitare, vero ragazze? Arrivare a baciare l'oggetto dei nostri desideri e... scoprire che bacia malissimo

     

    Foto di Sam Hood

    (dal WEB)

     


Commento

0 commento