Spargi la voci

la mia via

  • come ogni sera cammino lungo il viale allberato, le folte fronde mi nascondono il cielo che piano piano si scurisce e le prime stelle brillano come piccole fiammele dispote a caso qua e là, mi sdraio sulla panchina e guardo verso l'alto, il vento mi carezza il viso, un leggero tepore mi attraversa, socchiudo gli occhi, ascolto il vento che sembra portare dei suoni, delle voci, mi faccio attento e mi concentro, ascolto attentamente, ma non riesco a distinguere la voce, mi faccio attento, la sento è dentro di me,sono in pace e quasi felice, una calma irreale mi avvolge; come la nebbia crea strane figure, nella mia mente si forma un viso, i lineamenti si fanno più chiari e....un colpo di vento mi sveglia stavo sognando, non ricordo le voci, ma ricordo il viso, era il mio, mi sono ritrovato, mi alzo e continuo a camminare, non importa se non raggiungerò la meta, l'importante è percorrere la strada giusta per cercare di raggiungerla, cerco di tenere  stretta la mia serenità e questo pensiero fa abbozzare un sorriso sul mio viso, sperando che domani possa diventare un vero sorriso, le fronde stavolta si allargano e riesco a vedere le stelle e mi sembra che una brilli solo per me.

    HLJ


Commento

0 commento