Spargi la voci

A Stefania

  • CIAO STEFANIA
    Sai quando pensi che, le persone che ami,
    le avrai per sempre accanto? Beh, no.....
    non è affatto così. Anche loro vanno via,
    prendono il volo.... e tu rimani lì, incredula
    con il sopracciglio aggrottato nella tua aria
    di pensosità, inquietudine....nella straziante
     sensazione di impotenza e solitudine, tutto
    ciò è.... disarmante! Son nata qualche anno
    dopo di "lei" e poi siam cresciute insieme,
    da subito cugine per sempre. Quegli occhi
    verdi, i capelli lunghi neri....alta, con quelle
     movenze che in pochi riescono ad avere,
    quanta eleganza, già da piccina. La mia
    adorata Stefy!
    Crescendo però...il tuo sorriso si incupiva,
    spesso piangevi...ero più piccina e non capivo
    ancora del perchè ti chiamavano: frocio di
    merda. Eri così bella per me, perchè ti
    chiamavano così? Allora ti sei seduta sul
    muretto, mi hai presa vicina e insieme ai
     nostri cugini, hai cominciato a spiegare.....
    Quando sei nata, ti hanno chiamata Corrado
    ma tu sapevi, dentro te, che eri Stefania...
    la Stefy, e per noi cugini, non c'erano dubbi.

    Crescendo ho imparato a capire, ti vedevo
    piangere, avevi sempre i lividi nelle braccia..
    ..quel bastardo di tuo padre! Ha iniziato lui,
    ad odiarti.
     Ma cazzo.......com'era possibile odiarti!!!!!!!!
     
    Dopo tanta sofferenza, botte, umiliazioni....
     sei riuscita ad allontanarti da casa, crescevi
     ma....era difficile trovare lavoro, solo a
     pulire le scale avevi un futuro (così ti
    dicevano....)...e tu, hai messo su una ditta
    con tua mamma e tuo fratello. Sembrava
    tutto andasse meglio...
    L'intervento arriva, finalmente....il seno,
    che meraviglia ti avevano fatto! Cantavi
    sempre le canzoni di renato zero, e una
    volta, ad un suo concerto mi dicesti: sorcì,
    come mi chiamavi tu, ho deciso....mi opero.
    Dopo l'intervento, incontrasti il vero amore,
    e ti sei sposata. DDIO com'eri bella quel
    giorno, chi lo dimentica?! Ma da lì,
     la sofferenza mentale fa capolino....
    ti rendi conto che non puoi restare incinta,
    che non puoi diventare mamma.....
    Vi separate.....ti rapisce la depressione,
    l'anoressia.......e ti sei lasciata portare via.
    Non è facile stare senza di te, sai?! Non è
    affatto semplice!
    Non so se si nasce in un modo e poi si
    diventa altro, non so se l'amore si studia
     o si misura con la matematica, la statistica
    o la scienza, quello che so è che tu eri la
     Stefy, quello che porto dentro è il ricordo
    di una Donna che ha sofferto le cose più
    atroci, sulla pelle e nel cuore, che è caduta
     mille volte, e mille volte si è tirata su...
    Quello che so, è che avevi tanto bisogno
    d'amore e di pace, ma qualcuno......
    che sia maledetto, te lo ha voluto negare.
    Balla Stefy, come piaceva fare a te,
    Ora hai tutto l'immenso, per non smettere
    più!
    Tua Cugina.


Commento

0 commento