Una preparazione classica,buona sia tiepida che che fredda,come antipasto o come secondo,comodissima per farci panini,insoma un jolly in cucina.
Ocorrono 1 kg di filetto,di manzo.
Olio.
Sale e pepe nero di mulinello.
Qualcuno in fase di salatura aggiunge rosmarino tritato,ci stà bene,ma non è "canonico" io non l'ho messo,ma chi se ne frega  se piace aggiungetelo.



Legatelo ben stretto con spago da cucina, in modo che mantenga la forma in cottura.




Rosolatelo a fiamma alta in poco olio extra,in modo che i succhi della carne restino intrappolati all'interno e non disperdendosi durante la successiva cottura,mantengano la morbidezza del filetto.
Per questo motivo quando dovrete girare il pezzo,non usate mai forchette ma solo cucchiai o palette.



Ora o si cuoce in casseruola o al forno,io ho preferito usar questa seconda strada,posando la carne sulla griglia del forno preriscaldato a 250°,il che consente al calore di avvolgere il filetto in modo omogeneo,e non c'è più necessità di girarlo in cottura.
Ponete sotto il pezzo che cuoce una teglia.



Il tempo di cottura è di trenta minuti in tutto per chilo di carne,in questo modo rimane molto al sangue,e a me va bene ,ma per i miei commensali no quindi ho allungato i tempi.
Dopo 50 minuti l'ho tirato fuori dal forno e l'ho salato e pepato.



Calata la temperatura a 200° l'ho rimesso in forno per 10 minuti giusto il tempo che facesse la crosticina col sale e il pepe.



A questo punto l'ho lasciato intiepidire nella teglia in cui era stato rosolato,il sangue ceduto durante questa fase si mescola all'olio di rosolatura e servirà per condire le fettine.
Poi affettattelo sottile,se l'avete usate l'affettatrice,ma anche un bel coltello affilato basterà.



Per questi tempi e temperature la preparazione risulterà così,quindi regolatevi secondo i gusti personali.