Forum Quelli che... Over 40
  • Topic: e se fossi un'artista !...che tipo di artista mi sento...oggi?

    Torna ai Topics
    (0 rates)
    • 04 marzo 2011 17.22.27 CET
    • e se fossi un'artista !...che tipo di artista mi sento...oggi?

      Frida Khalo

      Una grande pittrice, molto amata in Messico,

      ma non solo. La sua pittura - molto intensa
      ebbe un brutto incidente da ragazzina che la distrusse 32

      operazioni alla spina dorsale e

      il bacino rotto non pote' avere figli rimaneva

      incinta ma ebbe solo aborti

      Nel '28 conobbe Diego Rivera: lui aveva quarant'anni

      ed era un artista molto famoso, lei venti di meno.

      Sapeva che lui era un noto seduttore e

      il loro primo incontro fu molto particolare.

      Anche se brutto, grande e grasso (alto un metro e ottanta,

      nel '31 pesava centocinquanta chili)

      Rivera conquista moltissime donne e Frida

      (che era alta un metro e sessanta e pesava quarantanove chili)

      si separerà da lui solo quando lo seppe amante

      anche di sua sorella Cristina (alle altre donne si sentì sempre superiore,

      ma quando si risposerà Rivera una seconda volta nel '40, pose delle ferree condizioni).

      Rivera aveva qualcosa di magnetico oltre alla grande personalità

      e vitalità:

      era spiritoso, molto disponibile, considerato da tutti un

      genio, apprezzava le donne dicendo che erano

      superiori agli uomini perché più sensibili, più belle,

      più buone. Lei andò a trovarlo mentre dipingeva

      un affresco, riuscì a farlo scendere dall'impalcatura

      per mostrargli i suoi quadri e chiederne un parere.

      Cosa che lui fece prontamente concludendo con un

      "Hai talento" e da quel giorno praticamente non

      si lasciarono mai se non nel breve periodo della loro

      separazione (1935-36). Fu un amore coinvolgente e

      travolgente fatto di contrasti e affinità elettive.

      Ebbero una vita tempestosa ma ricca emotivamente

      e artisticamente, non riuscendo a stare lontano per molto:

      tutti e due reciprocamente avevano un disperato bisogno dell'altro

      Le furono attribuiti molti amanti etero e omo ma lei non se ne curò

      libera come la sua arte dove non si riconobbe né surrealista

      né realista come la definiva Rivera: quel che è certo è

      che fu unica nella sua arte e anche Picasso in una lettera

      a Rivera disse così: « Né Derain, né tu, né io siamo capaci

      di dipingere una testa come quelle di Frida Kahlo ».

      E, se lo diceva Picasso ...
      "... E’ la prima volta nella storia dell’arte che

      una donna esprime con totale sincerità,

      scarnificata e, potremmo dire, tranquillamente

      feroce, i fatti e particolari che riguardano

      esclusivamente la donna. La sua sincerità,

      che si potrebbe definire insieme molto tenera e

      crudele, la portò a dare di certi fatti la

      testimonianza più indiscutibile e sicura;

      é perciò che dipinse la sua stessa nascita, il suo allattamento, la sua crescita

      dentro la sua

      famiglia e le sue terribili sofferenze,

      e di ogni cosa senza permettersi mai

      la minima esagerazione né divergenza

      dai fatti precisi, mantenendosi realista e

      profonda, come lo é sempre il popolo

      messicano nella sua arte, compresi i

      casi in cui generalizza fatti e sentimenti,

      arrivando alla loro espressione cosmogonica ..."

       

       


      sempre sceglie il suo costume prediletto quello delle donne di

      Tehuantepec, famose oltre che per la loro bellezza e

      fascino anche per il fatto di essere donne coraggiose,

      forti e intelligenti

      In tutte le foto si vede una Frida dallo sguardo diretto

      e penetrante, ironico e sensuale, interrogativo e

      ammiccante che poi ritroveremo sempre nei suoi autoritratti dove

      si dipinge con caratteristiche ed estrose acconciature e

      riccamente ingioiellata.

       

       

    • 04 marzo 2011 23.36.14 CET
    • e se fossi un'artista !...che tipo di artista mi sento...oggi?

      Io mi sento molto Salvador Dalì.... e' il mio artista preferito ....in casa infatti ho un suo quadro (falso naturalmente  ...hihiihihihih) ....ma non piace a nessuno ...dicono che e' angosciante.... guarda...

       

      Io lo trovo rilassante .....non e' bellissimo ??? Secondo me e' un vero genio visionario.

      CiAoOoOOoOoo  

    • 05 marzo 2011 09.40.51 CET
    • e se fossi un'artista !...che tipo di artista mi sento...oggi?

      [quote=Mercurio9]

      Io mi sento molto Salvador Dalì.... e' il mio artista preferito ....in casa infatti ho un suo quadro (falso naturalmente  ...hihiihihihih) ....ma non piace a nessuno ...dicono che e' angosciante.... guarda...

       

      Io lo trovo rilassante .....non e' bellissimo ??? Secondo me e' un vero genio visionario.

      CiAoOoOOoOoo  

      [/quote]

      piu' ke altro guarda quel povero cane come lo ha ...collocato ..il cane e' molto ricorrente in dali' ...geniale sicuramente merc

       

      ame piace molto

       

      nella versione

       cattolico cristiana

       e nella mitologica ..es..leda e il cigno

    • 05 marzo 2011 23.34.22 CET
    • e se fossi un'artista !...che tipo di artista mi sento...oggi?

      Devo dire comunque che a nessuno di questi artisti piace l'allegria !!! Hhahhahhaa...Caravaggio e' un artista maledetto !!!

      Comunque  sapete.... mi ricordo quando mio padre mi portava agli Uffizzi rimanevo colpito sempre da un quadro.... mi mettevo davanti e lo guardavo... l'espressione di inquietudine della testa di Medusa.... del Caravaggio appunto

      Mi incantava.... restavo li' a fissarlo...quegli occhi rendono bene l'idea. Brrrrrrrrrrrr

      Ciaooooooooo 

    • 06 marzo 2011 00.47.51 CET
    • e se fossi un'artista !...che tipo di artista mi sento...oggi?

      màà  artista???...cavolo nn saprei proprio ... pensandoci  posso dire cosa mi piace ... quello si ... ma sentirmi l'artista che l'ha fatta no ...mi vedo però ... in ciò che rappresenta  ... nell'azione che rappresenta ...nn di certo nelle persone in questione ... ciaooo  gioie ...qweè sempre un piacere leggerti nel forum ciaooooooo

      La celebre Pietà vaticana è conservata nella basilica di San Pietro in Vaticano di Roma ed è una delle prime scolpite da Michelangelo. Rispetto a quelle di data più recente, ha carattere meno spirituale, ma è ugualmente meravigliosa. È considerata all'unanimità una delle maggiori opere che l'arte occidentale abbia mai prodotto.

      I due personaggi principali sono estremamente levigati, a differenza del basamento, che risulta essere scolpito piuttosto grossolanamente. È in dubbio se abbia lasciato il basamento abbozzato per sua volontà oppure no, ma la tesi più accreditata è che lo abbia fatto di proposito, per esaltare ancor di più la divinità del Cristo e della Madonna, e segnare una netta divisione tra umanità (terrena) e divinità.

      La struttura è visibilmente piramidale, con la veste della Madre che si allarga verso il basamente e le gambe divaricate per meglio armonizzare con essa il corpo orizzontale del Cristo.

      L'abito sovrabbondante e il sudario contribuiscono a fornire una solida piattaforma al complesso scultoreo.


      La loro posizione rispetta l'iconografia nordica della Pietà, ossia adottata per primi dagli artisti fiamminghi, la quale prevede che la Madre tenga in grembo il Figlio.

      Questa Pietà è l'unica opera firmata dall'autore in quanto, infastidito dalle voci e dalla credenza popolare che quell'opera fosse di un artista lombardo, decise di firmarla lungo la cintura che tiene la veste. Il fatto che la Madonna abbia un volto molto giovane ha suscitato non poco scalpore all'epoca, ma Michelangelo abilmente si difese lasciando intendere questo concetto: "La castità, la santità e l'incorruzione preservano la giovinezza". Michelangelo inoltre non vuole rappresentare la scena con lo scopo di narrare un episodio (la morte di Cristo) ma è principalmente interessato all'aspetto simbolico della totalità: Maria è rappresentata giovane come quando concepì Cristo, e con il gesto dimostrativo della mano sinistra pare dire al mondo che ciò che aveva previsto (la morte di suo figlio) si è avverato.

      Questa scultura è pensata per essere vista frontalmente, se infatti la si osserva di lato si noterà che è schiacciata, compressa, anche solo spostandosi di poco dal centro si perdono particolari (la definizione della muscolatura, i panneggi) importantissimi.

    • 06 marzo 2011 20.15.44 CET
    • e se fossi un'artista !...che tipo di artista mi sento...oggi?

      [quote=Mercurio9]

      Agli Uffizzi ......mi piaceva guardare questi 2 quadri del Botticelli...

      Vi assicuro che vederli dal vivo.... da una certa emozione.

      [/quote]

       

      io ci sono stata e'...ha visto la testa di medusa si e' un po' inquitante......poi ho visto un po' tutto quello che c'e' .... un'emozione che si ricorda per tutta la vita ...

    • 06 marzo 2011 20.24.56 CET
    • e se fossi un'artista !...che tipo di artista mi sento...oggi?

      [quote=Ajsha]

      màà  artista???...cavolo nn saprei proprio ... pensandoci  posso dire cosa mi piace ... quello si ... ma sentirmi l'artista che l'ha fatta no ...mi vedo però ... in ciò che rappresenta  ... nell'azione che rappresenta ...nn di certo nelle persone in questione ... ciaooo  gioie ...qweè sempre un piacere leggerti nel forum ciaooooooo

      La celebre Pietà vaticana è conservata nella basilica di San Pietro in Vaticano di Roma ed è una delle prime scolpite da Michelangelo. Rispetto a quelle di data più recente, ha carattere meno spirituale, ma è ugualmente meravigliosa. È considerata all'unanimità una delle maggiori opere che l'arte occidentale abbia mai prodotto.

      I due personaggi principali sono estremamente levigati, a differenza del basamento, che risulta essere scolpito piuttosto grossolanamente. È in dubbio se abbia lasciato il basamento abbozzato per sua volontà oppure no, ma la tesi più accreditata è che lo abbia fatto di proposito, per esaltare ancor di più la divinità del Cristo e della Madonna, e segnare una netta divisione tra umanità (terrena) e divinità.

      La struttura è visibilmente piramidale, con la veste della Madre che si allarga verso il basamente e le gambe divaricate per meglio armonizzare con essa il corpo orizzontale del Cristo.

      L'abito sovrabbondante e il sudario contribuiscono a fornire una solida piattaforma al complesso scultoreo.


      La loro posizione rispetta l'iconografia nordica della Pietà, ossia adottata per primi dagli artisti fiamminghi, la quale prevede che la Madre tenga in grembo il Figlio.

      Questa Pietà è l'unica opera firmata dall'autore in quanto, infastidito dalle voci e dalla credenza popolare che quell'opera fosse di un artista lombardo, decise di firmarla lungo la cintura che tiene la veste. Il fatto che la Madonna abbia un volto molto giovane ha suscitato non poco scalpore all'epoca, ma Michelangelo abilmente si difese lasciando intendere questo concetto: "La castità, la santità e l'incorruzione preservano la giovinezza". Michelangelo inoltre non vuole rappresentare la scena con lo scopo di narrare un episodio (la morte di Cristo) ma è principalmente interessato all'aspetto simbolico della totalità: Maria è rappresentata giovane come quando concepì Cristo, e con il gesto dimostrativo della mano sinistra pare dire al mondo che ciò che aveva previsto (la morte di suo figlio) si è avverato.

      Questa scultura è pensata per essere vista frontalmente, se infatti la si osserva di lato si noterà che è schiacciata, compressa, anche solo spostandosi di poco dal centro si perdono particolari (la definizione della muscolatura, i panneggi) importantissimi.

      [/quote]be che dire ...michelangelo un'artista unico nel suo genere ...

      ma credimi

      che  ...riprodurre una pieta'....e' un'emozione inimmiginabile

      in tutte le sue forme artistike ..scultura o pittura

      soprattutte se e' una donna a doverla fare pensare che hai tuo figlkio tra le braccia morto....

    • 06 marzo 2011 22.35.13 CET
    • e se fossi un'artista !...che tipo di artista mi sento...oggi?

      Rimasi folgorato letteralmente alla vista della Pieta' che e' in San Pietro. Calamitato a tal punto che la mia compagna di allora dovette trascinarmi via a forza. Pare grandissima, ma non lo e', tuttavia e' immensamente bella per i suoi particolari che trasmettono la passione dell'artista nell'esprimere il dolore di una madre per la morte del figlio... Il mio artista preferito del passato e' Leonardo Da Vinci, eccelso in tutte le scienze conosciute, artista a 360° in scultura e pittura, sperimentatore ed inventore. La bellezza di una Dama con Ermellino o un Cenacolo

      non hanno pari per particolari e bellezza. Se invece guardiamo i giorni nostri, il mio preferito e' Ron Mueck,


      artista scultore australiano. Le sue opere gigantesche o piccolissime fanno scalpore in qualsiasi mostra in cui espone, per la realistica espressione dei soggetti che espone, al punto di non accorgersi di avere a fianco una statua al posto di una persona vera...

      Ciao a tutti, Renato.

       

    • 06 marzo 2011 22.54.44 CET
    • e se fossi un'artista !...che tipo di artista mi sento...oggi?

      [quote=PRIMODISETTE]

      Rimasi folgorato letteralmente alla vista della Pieta' che e' in San Pietro. Calamitato a tal punto che la mia compagna di allora dovette trascinarmi via a forza. Pare grandissima, ma non lo e', tuttavia e' immensamente bella per i suoi particolari che trasmettono la passione dell'artista nell'esprimere il dolore di una madre per la morte del figlio... Il mio artista preferito del passato e' Leonardo Da Vinci, eccelso in tutte le scienze conosciute, artista a 360° in scultura e pittura, sperimentatore ed inventore. La bellezza di una Dama con Ermellino o un Cenacolo

      non hanno pari per particolari e bellezza. Se invece guardiamo i giorni nostri, il mio preferito e' Ron Mueck,


      artista scultore australiano. Le sue opere gigantesche o piccolissime fanno scalpore in qualsiasi mostra in cui espone, per la realistica espressione dei soggetti che espone, al punto di non accorgersi di avere a fianco una statua al posto di una persona vera...

      Ciao a tutti, Renato.

       

      [/quote]

      vero leonardo e' un genio...in tutto..

      mueck...a volte molto crudo ...e geniale anche lui e'...

      grazie renato ...x i video

    • 07 marzo 2011 00.27.34 CET
    • e se fossi un'artista !...che tipo di artista mi sento...oggi?

      Reny ma e' impressionante !!! Il neonato immenso e' una cosa allucinante... mica lo conoscevo questo !! Ma con cosa le fa ste statue, che materiale usa ?? Come vedresti la donna nel letto nella mia sala ??? Hhahhahahha...... dovrei andar via io naturalmente....

      Mai visto niente del genere .....sono esterefatto .....ed anche un po' fatto ...uashhasuhuashsa.... sai te le vedi davanti dopo esserti fatto un cannone !!! Ti prende un collasso !!!

      CiAOooOoOOooOOoo

    Legenda Icone e Regole Forum

  • Questo topic ha risposte
    Hot topic
    Topic unread
    Questo topic non ha risposte
    Topic chiuso
    BBCode  chiuso
    HTML  aperto
    Non sei abilitato/a a rispondere a questo topic
    Non sei abilitato/a a modificare questo topic
    You don't have the permission to delete a topic
    Non sei abilitato/a ad approvare post
    Non sei abilitato/a a mettere in evidenza i topic
    Non sei abilitato/a a chiudere topic
    Non sei abilitato/a a spostare topic

Aggiungi Reputazione

Do you want to add reputation for this user by this post?

o annulla