Forum Raccontiamoci... Sesso... Istruzioni per l'Uso
  • Topic: Cerchiamo una spiegazione scienti-fica al fatto che non ce la da

    Torna ai Topics
    (0 rates)
    • 22 aprile 2009 20.06.03 CEST
    • Cerchiamo una spiegazione scienti-fica al fatto che non ce la da

      tratto da: http://blog.libero.it/Perversioni/commenti.php?msgid=3949071&id=68006

      Il desiderio sessuale è uno stato soggettivo che predispone a cercare stimoli sessuali. Essi possono essere trovati nella realtà come nella fantasia, nel presente, come nel passato.
      E’ uguale negli uomini e nelle donne? Domanda molto difficile a cui rispondere. Ragionando in termini generali, non si capisce perché biologicamente le donne dovrebbero avere meno desiderio sessuale degli uomini, come comunemente si ritiene. Infatti, se così fosse, quale ne sarebbe il vantaggio biologico a fini riproduttivi?
      Basandoci su dati di fatto tuttavia, non possiamo non constatare che le donne siano, comunque, sempre molto meno attive sessualmente di quanto lo siano gli uomini.
      Ciò è dovuto al fatto che la donna ha un ciclo ormonale che ha effetti sulla sua personalità ed anche sulla sua sessualità. Gli ormoni infatti possono influire moltissimo sul desiderio femminile e possono essere, in certi giorni, la ragione della sua totale assenza.

      A questo non possiamo non aggiungere il fatto che le donne non sono ancora del tutto libere di esprimere il desiderio sessuale, di farlo diventare comportamento, come da sempre fanno gli uomini, e questo porta spesso all’erronea convinzione che il desiderio femminile sia meno intenso di quello maschile.
      Di questo sono convinti gli uomini, che secondo alcuni studi vorrebbero aumentare la frequenza dei rapporti sessuali con le mogli del 50% (Ard, 1977), che desidererebbero avere più partner sessuali e rapporti occasionali di quanto desiderino le donne (Baumeister, 2001), che si dedicano all’autoerotismo con più frequenza delle donne (Baumeister, 2001), che divengono consapevoli del loro desiderio sessuale prima delle loro coetanee, sebbene siano da queste preceduti nella fase puberale (Laumann, 1994 – Baumeister, 2001), che preferirebbero avere una maggiore varietà di pratiche sessuali rispetto alle rappresentanti del gentil sesso (Laumann, 1994), che sono più portati di queste verso le parafilie, l’acquisto e la consumazione di materiale pornografico (Angier, 1999 – Elias, 1999).
      D’altro canto l’astinenza sessuale sembra essere più facile per le donne che per gli uomini (Baumeister, 2001).
      Allora, possiamo concludere che il desiderio sessuale femminile non esista, o sia di serie B rispetto a quello dell’uomo?
      Sarebbe una conclusione molto superficiale. Per capire meglio il problema dovremmo considerare altri aspetti della psicologia femminile, che spesso sfuggono all’analisi dei ricercatori. Sarà per condizionamento sociale e familiare, sarà perché fa parte dei miti e dei riti: non si sa perché, ma è certo che le donne prediligono avere dei rapporti sessuali all’interno di un contesto romantico, sia negli incontri occasionali, sia nei rapporti stabili. E’ chiaro dunque che non sempre per una donna è facile trovare questi contesti romantici capaci di accendere il suo desiderio… Ed è questo che, più di ogni altro condizionamento sociale ormai in declino, determina una sessualità femminile meno frequente e più selettiva di quella maschile. E’ questo che porta verso l’astinenza, il disinvestimento totale o parziale della sessualità: l’eccessiva discrepanza fra fantasia e realtà sessuale.


      Riferimento bibliografico: Piscitelli, Il desiderio sessuale femminile, Rivista di sessuologia, CIC, vol. 29/2005

    • 22 aprile 2009 21.18.58 CEST
    • Cerchiamo una spiegazione scienti-fica al fatto che non ce la da

      Beato te, Mercurio!

      Io tanto sono in astinenza che sono seminuovo, hahahahahaha! Anzi, se ci fosse qualche anima pia a leggere queste righe, colgo l'occasione . E comunque, se non ci fosse Rocco Siffredi col suo batacchio chilometrico a rovinare la festa, penso che una porzione di donne non sminuirebbe tanto la normalita' maschile, figuriamoci i sotto dotati, o no? (provocatorio). Bah, abbasso i complessi di inferiorita' (io ne ho un sacco, ma non quello "dimensionale", hehehe), e chi se ne frega del piacere a tutte, del depilarsi, abbronzarsi, rinmuscolirsi all'eccesso (orrendo detto cosi'), se poi si vale poco come uomo, affettivamente, sentimentalmente, sessualmente e soprattutto altruisticamente. Sono un femminista convinto, e sono convinto che nel rapporto bisogna collaborare in due: nel sesso, nell'amore, nelle situazioni di tutti i giorni. Cosi facendo si avra' un rapporto sempre pieno di desiderio, di complicita'. Scusate l'aria un po' polemica, ma e' uno dei tasti che ultimamente affronto, quello del sesso..... Beati voi che potete!!!!

      Ciao a tutti, Renato - primodisette  

    • 22 aprile 2009 21.30.44 CEST
    • Cerchiamo una spiegazione scienti-fica al fatto che non ce la da

      [quote=mercurio9]

      a me me la danno mi dispiace per voi !!!!!

      ciao giocattolo sri sempre molto puntiglioso ed esaudiente bravo !!

      [/quote]

      Mercu'...io mi metto sempre in mezzo ai discorsi che faccio...anche se non c'entro nulla fiufiu 

      Cerco sempre di dare spiegazioni a cio che accade al mondo...

    • 23 aprile 2009 16.06.11 CEST
    • Cerchiamo una spiegazione scienti-fica al fatto che non ce la da

      1. ....Mister T ...sei andato a toccare....( senso lato ) un discorso che con la teoria scientifica ormonale nn c'entra un'emerito bene..(secondo me ovviamente) ...ce ne sarebbero di cose da dire...e cmq molto soggettive..partendo dal falso bigottismo della donna...alla varieta' di rapporti...che racchiudono la sessualita'...come fidanzata,come moglie ,kome amante...in ogni fase ci poxon esser paure di viversi appieno x paura di un giudizio....( e a proposito di cio' ci potrei stare le ore a scrivere )...anche se ..penso che resterei una voce univoca...dato lo scarso coraggio di confrontarsi su qsto tema ( specie da parte delle donne )....come si dice la donna e' un'animale alquanto komplikato...piu' dell'uomo...molto volubile...piu' dell'uomo....ma molto piu' brava a mascherare...certe "voglie"...qnto ci sarebbe da dire....se dovessimo veramente analizzare tutti i ruoli...della donna...qnte ce ne sarebbe da dire..e quante cose si scoprirebbero....ma almeno ...potremmo dire agli studiosi degli ormoni....ehmm scusate ..ma gli ormoni...nn c'entrano...un bip.......un bacio mister T...
      2. p.s.ho volutamente esculso l'uomo da qsto discorso perche' ho fatto valere il detto "l'uomo propone ..la donna dispone..." ( anche se Voi siete il piatto forte di qsto discorso )
      3.                             kattyvella
    • 23 aprile 2009 20.31.03 CEST
    • Cerchiamo una spiegazione scienti-fica al fatto che non ce la da

       Mia cara MISS K... Lei ha fatto una disamina appropriata ed accurata del "problema"...Vero è che la donna comanda...Verissimo è che l'uomo sottostia ai femminei voleri...Io, dal canto mio, son felice di sottostare e, perche no, si stare sotto...Sotto i voleri della donna intendo...Ben venga...I ferrormoni comandano il sesso...La donna contro i ferrormoni non ha potere...Lo so che Lei vorrebbe...Anche io vorrei...

      La bacio...MISS K.....

    • 07 maggio 2009 22.27.33 CEST
    • Cerchiamo una spiegazione scienti-fica al fatto che non ce la da

      ciao kattyyyyy ....pienamente daccordo con te ovviamente,

      Io credo che tutto sommato a "loro" andiamo bene cosi', altrimenti ....scusa eh?.....ma cosa ci difenzierebbe? ops.......ah si ..quella cosa la':)

      Sentite ....leggetevi questa cosina che ho trovato ...mi sembra divertente :)

       






      »

      Categorie di donna

      La Tipa

      Probabilmente la categoria più diffusa. Le tipe sono tutte quelle che si incontrano normalmente a una festa, che ti chiedono se gli fai accendere, se le cambi i cinque euro, se le reggi la borsa, ma con le quali non si intrattengono discorsi che durino più di 30 secondi (a dire tanto).

      In generale la Tipa si presenta come un esemplare femminile normale, salvo poi presentare caratteristiche che ne permettono una migliore classificazione in una delle seguenti sottofamiglie:
      – Tipa che la dà;
      – Tipa che non la dà;
      – Tipa che la darebbe ma ha il tipo;
      – Tipa che te la faresti se non ci fosse la tua Tipa;
      – Tipa che te la fai facendole credere che sei chissacchì e poi non la riaccompagni neanche a casa.

       

      La Acidona

      La famiglia delle acidone comprende tutti quegli esemplari che, per un motivo o per l'altro, non sono in grado di passare una serata in compagnia senza scazzare con qualcuno del gruppo. Caratteristica dell'Acidona è la sua capacità di criticare qualunque frase le venga rivolta come se fosse un insulto nei suoi riguardi: a un innocuo "Ciao, come stai?" l'Acidona risponde quasi immancabilmente "Che ti frega? Fatti i cazzi tuoi!".

      Da questo comportamento ne deriva un generale disprezzo nei suoi riguardi, che la porta negli anni a inacidirsi sempre di più, fino a sfociare nella categoria delle Isteriche.

       

      L'Isterica

      Definire l'isterica corrisponde a dare uno sguardo un po' a tutte le donne... Tuttavia ci sono alcuni esemplari che fanno dello sclero la propria ragione di vita: l'Isterica non si preoccupa minimamente della situazione, del momento o delle persone con cui ha a che fare, e si lascia generosamente andare a degli scatti di ira furiosa che in non rari casi sfociano in un vero e proprio attacco di violenza gratuita.

      Il problema è che queste poverette non si rendono conto del fatto che la pazienza umana ha un limite, quindi, giunte all'ennesimo scazzo feroce, quando cercano per l'ennesima volta di schiaffeggiare il povero cristo di turno, perdono i sensi e si risvegliano doloranti con il tatuaggio della mano di lui sulla faccia... Di solito, a questo punto, cercano di rimediare con l'ennesima botta isterica, questa volta dominata dal pianto furioso: in soli dieci secondi la faccia della sciagurata sembra flagellata da un monsone, con litri e litri di lacrime che si riversano al suolo, mentre dalla bocca le fuoriescono degli strani mugolii assolutamente incomprensibili. Questi momenti sono estremamente delicati: mai comunicare la propria incapacità di comprendere ciò che la matta dice! Il rischio minore è quello di riportarla allo stadio immediatamente precedente al pianto, ossia quando pretendeva di mandarvi al tappeto; quello maggiore è di ritrovarvi effettivamente al tappeto vittime di una feroce ginocchiata nelle parti basse.

       

      La Cozza

      Estremamente diffusa, la categoria delle Cozze è composta da esemplari di sesso (forse) femminile che poco hanno di umano e molto di celenterato.

      La Cozza ha peso variabile, non necessariamente eccessivo, ma in caso di peso "normale" l'assenza di grasso non ne pregiudica l'appartenenza alla classe, dato che normalmente le sue forme assomigliano più a quelle di un coccodrillo che di una donna. Non di rado, la cozza, pur di darsi un tono, se la tira come e più della Gnocca, ottenendo come risultato una progressiva socialca verso la categoria delle Brutte Zitelle Scassacazzo.

       

      La Brutta Zitella Scassacazzo (B.Z.S.)

      Terribile esempio di come un essere umano possa degenerare, le Brutte Zitelle Scassacazzo sono una vera e propria mina vagante. Generalmente orribili, questi esseri circolano liberamente con tutto il loro pesante carico di odio e invidia verso tutti gli altri generi femminili, con la sola esclusione delle Cozze, con le quali intrattengono spesso rapporti di pettegolezzo.

      Spesso la Brutta zitella scassacazzi è accompagnata dalla madre o dalla nonna, la quale fa opera di carità al mondo sottraendole tempo che altrimenti sarebbe destinato alla devastazione dei rapporti altrui. Purtroppo però le appartenenti a questa famiglia hanno in genere una predisposizione naturale al disbrigo rapido di tutte le faccende e lavori che altri esemplari eseguono in tempi standard, rendendo quindi difficile la loro alienazione da troppo lavoro.

      Non sono rari i casi in cui la Brutta Zitella Scassacazzo, data la sua cronica inapplicazione sessuale, perde la testa per qualche esemplare maschile, subendo una temporanea trasformazione che la riporta alla famiglia delle Cozze, dalla quale passa spesso alla famiglia delle Maialone Orrende Senza Ritegno. Tali transizioni sono generalmente temporanee, tranne in rari casi in cui l'esemplare migra definitivamente all'ultima categoria e ci resta fino alla vecchiaia.

       

      La Maialona Orrenda Senza Ritegno (M.O.S.R.)

      A questa famiglia appartengono tutti quegli esemplari femminili che, non disponendo di caratteristiche attrattive sufficienti ad attirare l'attenzione autonoma degli uomini, ricorrono al vecchio trucco di "sbatterla in faccia a tutti quelli che le capitano". Riconoscibili per l'abbigliamento succinto, dal quale si evidenzia a colpo d'occhio la trabordanza della massa grassa, le M.O.S.R. sono spesso dedite al bere, nonché alla frequentazione di tutti quei luoghi di aggregazione dove abbondano esemplari maschili in astinenza forzata.

      In alcuni casi, però, le M.O.S.R., si rivelano utili: capita infatti che qualche esemplare maschile, uscito da una relazione con un esemplare o di Donna Elastico o di Fighetta o di Donna In Carriera, frustrato dalla momentanea situazione di abbandono, trovi rifugio nelle attenzioni di una qualche M.O.S.R.; questo avviene perché spesso le M.O.S.R., sono esperte in una qualche pratica erotica inusuale: questo stimola la curiosità del maschio, il quale, dopo un breve periodo trascorso a farsi sollazzare dalla zozzona, la abbandona al suo destino per ricominciare a dedicarsi a prede più ambiziose.

       

      La Fighetta

      La categoria delle Fighette è composta essenzialmente da ragazze, in genere giovani (tra i 14 e i 21 anni), che se la portano a spasso ridendo e scherzando con uno stuolo di amiche, in genere Fighette anch'esse.

      La Fighetta non si caratterizza per una particolare bellezza: essa semplicemente è un tipo che da come si comporta sembra disponibile, salvo poi rivelare un carattere da vera rompicoglioni nel momento in cui l'approccio diviene più esplicito.

       

      La Figa Standard

      Categoria molto apprezzata, quella delle Fighe Standard è una famiglia di medio-bassa diffusione, composta essenzialmente da esemplari con alcune caratteristiche peculiari (o belle tette, o bel culo, o altro), in ogni caso di aspetto piacevole, discreta disponibilità al dialogo e grande versatilità morale.

      La Figa Standard si accompagna spesso con una o più Cozze, con le quali intrattiene rapporti di amicizia profonda, certa dell'assoluta impossibilità di una qualsiasi forma di concorrenza sessuale da parte di queste ultime.

      Il difetto fondamentale della Figa Standard è un suo rapido decadimento a Donna-Elastico non appena si rende conto della reale attrazione suscitata negli uomini; questo ne rende pericolosa la frequentazione per lunghi periodi di tempo.

       

      La Figa Incredibile

      Rarissima specie di donna, caratterizzata da un aspetto da far sbavare, curve perfette, sorriso ammaliante e abbigliamento preciso, la Figa Incredibile è una delle prede più ambite in ogni ambiente.

      La Figa Incredibile è dotata in genere di una notevole simpatia, ma spesso anche di scarsa intelligenza, che la porta talvolta a infilarsi in storie assurde con personaggi maschili che, pur di tenersela stretta, depauperano tutte le loro risorse economiche nell'attività di relazione: aperitivi, cenette, locali notturni, e, in non rari casi, droga.

      La Figa Incredibile è e rimane un cult per ogni uomo che sia in grado di superare l'iniziale momento di euforia dato dalla conquista dell'esemplare.

       

      La Donna-Elastico

      La Donna-Elastico è una delle specie più diffuse. Famiglia composta sia da esemplari nativi che da ex esemplari di Figa Standard, la Donna-Elastico vive la propria esistenza tra N frequentazioni maschili, saltando dall'una all'altra con la stessa facilità con cui si cambia di abito.

      Viene detta "elastico" per la sua flessibilità nei rapporti interpersonali: essa non predilige una particolare persona, ma si deforma secondo le esigenze del momento, mantenendo al proprio interno una fortissima componente di cinismo. Generalmente dotata di scarso senso dell'autocritica, la Donna-Elastico è convinta che in ogni caso il suo comportamento sia corretto, anche se contrario a qualunque morale, persino la propria.

      Caratteristica intrinseca della Donna-Elastico è la sua capacità di circuire gli uomini, facendogli credere di fare parte della famiglia delle Fighette o delle Fighe Standard, per poi dimostrare con il tempo di essere molto più affine alla categoria delle Troie, rendendosi pertanto moolto pericolosa.

       

      La Troia

      Come da definizione classica, la Troia è colei la quale, pur di divertirsi, passa sopra a qualunque principio, morale o materiale.

      In molti casi la Troia è di aspetto gradevole, ed è dotata di una notevole attrattività. Naturalmente portata ai rapporti interpersonali, la Troia predilige spaziare in ambienti ad elevata concentrazione economica; essa è fornita di alcune capacità previsionali che hanno dell'incredibile: la Troia riesce con una semplice occhiata a intuire di qualsiasi uomo il numero di conti correnti intestati e di automobili possedute, l'ammontare della carta di credito e dei contanti posseduti nel portafoglio. Grazie a questa caratteristica la Troia riesce ad approcciare qualunque uomo, sposato, fidanzato o libero, offrendo in modo più o meno evidente i propri favori sessuali e iniziando una costante opera di drenaggio di capitali, adottando la tecnica dello scambio dieci-minuti-di-sesso-regalino-da-almeno-cento-sacchi.

      Caratteristica distintiva della Troia è una normale predilezione per tutti quei generi di abbigliamento che coniugano l'alta sensualità con la praticità di svestizione; altra caratteristica importante del loro vestiario è la estrema capacità di trattenere ogni sorta di fluido organico maschile, in modo da poter utilizzare l'abito come arma di ricatto.

       

      Il Puttanone

      Il Puttanone è una curiosa deviazione della tipologia Troia.

      Di norma, una Troia resta semplicemente Troia, e vive la sua troiaggine più o meno coerentemente; in alcuni casi tuttavia si verifica qualcosa che porta la Troia a riconsiderare la propria condizione e, in una botta di moralismo incredibile, decide di non dedicarsi più al drenaggio di capitali. Il fatto è che essa è ormai abituata a saltare da un membro all'altro con agilità; questo desiderio di uscire dal proprio schema classico "te la do se cacci la lira" la porta a intraprendere un cammino dove il bisogno di purgare la propria anima dall'istinto meretricio le impone di fornire favori sessuali senza richiedere nulla in cambio.

      Come risultato il Puttanone scopa con le stesse modalità della Troia, ma non chiede nulla in cambio, se non il mero appagamento sessuale. In questo dimostra un atteggiamento simile alla Ninfomane Insaziabile, anche se il ritmo erotico è decisamente più basso: mentre nel caso della Ninfomane Insaziabile si tratta di bisogno fisico di cazzi, il Puttanone è più che altro spinto dalla scelta personale di essere disponibile ad ogni uomo.

       

      La Ninfomane Insaziabile

      Come il nome lascia intuire, la Ninfomane Insaziabile è quel tipo di ragazza, bella o brutta, che non può fare a meno di un pene per più di 8-12 ore.

      La fame di sesso di queste donne è incredibile: esse sono addirittura disposte a raccattare i lavavetri agli angoli delle strade pur di farsi infilare, anche se ovviamente preferiscono frequentare altri generi di esemplari maschili. La Ninfomane Insaziabile è una preda discretamente ambita, pur presentando lo svantaggio di non essere assolutamente affidabile dal punto di vista psicologico: chiunque si sposasse con una Ninfomane Insaziabile avrebbe la virtuale certezza di essere cornuto già all'inizio del banchetto di nozze.

      In alcuni casi davvero eccezionali, la Ninfomane Insaziabile presenta anche le caratteristiche esteriori della Figa Incredibile: in tal caso si parla di Pornodonna.

       

      La Pornodonna

      Definire la Pornodonna equivale a una solenne descrizione di uno dei desideri più osceni di molti maschi: una donna splendida, simpatica e soprattutto assetata di sesso più che di qualunque altra cosa.

      Chiaramente un esemplare del genere può avere un periodo di applicazione massimo di 10 giorni: seguire il ritmo di una Pornodonna è pressoché impossibile già se si è dei ricconi nullafacenti, figurarsi se in più si è tenuti al lavoro... Una Pornodonna rappresenta quindi un'impresa, nel vero senso del termine: ella si presterà a qualsiasi tipo di rapporto sessuale, in qualsiasi momento e in qualunque situazione; permetterà all'uomo di turno di passeggiare amabilmente abbracciato a questa ragazza splendida, abbandonandosi alla sacrosanta bastardaggine del poter comunicare a sguardi ai propri amici il famoso:"Guardate un po' chi mi scopo io...".

      Tale sensazione, però, è destinata a durare poco, dato che la Pornodonna in questione non mancherà di tenere gli occhi aperti, e in capo a poco più di una settimana tutti gli amici del gruppo avranno ottenuto lo stesso trattamento dalla suddetta, e gli sguardi saranno molto meno fieri.

       

      La Donna In Carriera

      La classe delle Donne In Carriera sta avendo grandissima diffusione negli ultimi anni. Questa categoria è sostanzialmente composta da donne provenienti da altre categorie, delle quali mantengono parte delle caratteristiche, aggiungendone di nuove che in alcuni casi si rivelano deleterie.

      Una di queste nuove caratteristiche è il tipico atteggiamento "so-tutto-io-perché-mi-faccio-il-culo-in-ufficio-e-non-voglio-sentire-cazzate-perché-sono-stanca".

      Derivato da questo atteggiamento è il cosiddetto "stress da troppi cazzi", inteso sia in senso morale che materiale; non di rado, infatti, pur di accedere alla categoria, le donne si prestano a innumerevoli compromessi, ivi compresi quelli di natura sessuale. La febbre da carriera le costringe quindi a costanti sessioni di seduzione sul luogo di lavoro, con notevole dispendio delle proprie risorse umane e fisiche; questo si riflette in modo molto negativo sull'eventuale partner maschile, il quale, giustamente, dopo alcuni mesi di tolleranza all'assenza di un normale equilibrio nella psiche della compagna, inizia a farsi un pochetto i cazzi propri, mollando la presa per dedicarsi a una più sana attività da scapolone.

      La donna in questione, resasi conto di tutto ciò, in alcuni casi ritorna nella categoria di provenienza, ma di solito accede alla categoria delle Zitelle Lavoratrici Croniche.

       

      La Zitella Lavoratrice Cronica (Z.L.C.)

      Questa famiglia è strettamente legata a quella delle Donne In Carriera: in effetti si potrebbe definire come una sottospecie di tale famiglia, dato che normalmente l'atteggiamento è lo stesso, tranne che per alcune caratteristiche che ci permettono di distinguere tra le due.

      La Zitella Lavoratrice Cronica, infatti, ha perso il fondamentale interesse alla prosecuzione della carriera, in quanto ha spesso ottenuto uno stop forzato alla crescita professionale causato da un qualche errore di percorso. Ad esempio, può capitare che una donna in carriera, nello svolgimento delle sue funzioni, cerchi di sedurre l'uomo di una qualche altra donna in carriera più in alto di lei nella scala gerarchica; questo porta la donna in carriera di rango più elevato a tramutarsi istantaneamente in Femmina Vendicativa (categoria qui non citata perché di scarso interesse per il nostro studio e comunque di natura transitoria), scatenando tutte le armi a sua disposizione per frenare l'avanzata della concorrente.

      La poveretta (si fa per dire) si trova a questo punto sputtanata in tutto l'ufficio e, vuoi per vergogna vuoi per costrizione, si rifugia nello stakanovismo più feroce. Questo la costringe ad abbandonare ogni velleità sia in ambito professionale che privato, lasciandola dedita solo ed esclusivamente al lavoro.

      Le Z.L.C possono provenire anche da altre categorie, ma difficilmente escono dalla loro condizione per mutare di classe.

       

      La Suora

      Nella categoria delle suore rientrano tutte quelle gentili signorine che, nonostante la loro disponibilità al divertimento e alla vita notturna, manifestano una presumibilmente totale estraneità ai piaceri della carne.

      Un comportamento tipico delle suore è il presentarsi come gentili, affabili, disponibili e soprattutto libere da ogni vincolo, suscitando una legittima curiosità negli esemplari maschili che frequentano, dato che molto spesso gli esemplari appartenenti alla famiglia in oggetto sono pure discretamente attraenti; il problema è che le Suore sono specializzate nel portare, più o meno volontariamente, gli uomini a interessarsi sessualmente a loro, per poi opporre, come lascia intuire il nome della famiglia, un secco rifiuto a qualunque genere di proposta anche solo blandamente erotica.

      Frase tipica delle suore è: "Ma per chi mi hai presa? Per una che la dà a tutti quelli che incontra?". La frase è in effetti oggettivamente corretta, in quanto la Suora, per definizione, non la dà assolutamente a nessuno. Questo la porta spesso a uno stato di eccezionale depressione, che viene solitamente superato praticando delle feroci sedute di autoerotismo.

      Come risultato di questo comportamento, la Suora tende con il tempo a migrare verso altre famiglie, soprattutto verso la famiglia delle Acidone, a volte in quella delle Zitelle Lavoratrici Croniche, oppure, in alcuni rari casi, per compensazione di una vita di privazioni, nella categoria delle Ninfomani Insaziabili.

      Top

       

       

      Newsky Group © 2007 – CreditiNote legaliSicurezza e privacyNote tecniche
      I contenuti di queste pagine possono essere utilizzati solo nel rispetto di quanto indicato nelle Note legali
      Se ritieni che parte dei materiali qui pubblicati ledano il tuo diritto

       

       

    • 25 aprile 2009 15.17.23 CEST
    • Cerchiamo una spiegazione scienti-fica al fatto che non ce la da

      1. ,,,mia Cara BRI ....e per chiudere il quadretto direi di aggiungere anche...             perche' e' bello esser donna...... leggi mia cara Amica...qnte cose in piu' abbiamo....        meditate Uomini...meditate....
      2.  1. Puoi arrivare in ritardo agli appuntamenti evitando di dover aspettare al freddo
        2. Vedi nude le tue amiche
        3. Quando vai in bagno non rischi di bagnare la tavoletta
        4. Se una sera vuoi far sesso trovi sempre qualcuno disponibile senza doverlo pagare

        5. Se esci con un ragazzo paga lui
        6. Per baccagliare un ragazzo in discoteca non devi offrirgli da bere
        7. Se scoppia una guerra sei l’ultima a morire
        8. Sai che i resoconti sulla vita sessuale delle tue amiche sono veri
        9. Se hai le tue cose puoi mandare al diavolo chiunque senza dovergli chiedere scusa dopo
        10. Non ti fai paranoie per “quanto ce l’hai lungo”
        11. Quando ti svegli dopo una notte passata con lui non hai brutte sorprese: è brutto come la sera prima
        12. Ti cedono il posto sull’autobus
        13. Se lui va allo stadio puoi uscire con le tue amiche e poi rinfacciargli di averti lasciata sola
        14. Mater semper certa, pater nunquam…
        15. Con una gonna corta ottieni qualsiasi cosa
        16. Se sei lesbica diventi intrigante, se sei omosessuale sei una checca
        17. Se partorisci ti fanno restare a casa da lavoro e in più ti pagano
        18. Finite le superiori puoi lavorare immediatamente: nessuno si chiederà se sei militebesente
        19. Non ti angosci la vita pensando alle tue prestazioni amorose
        20. Gli uomini credono a tutto ciò che dici
        21. Se sei eccitata nessuno ti prenderà in giro perché hai un alzabandiera nei pantaloni
        22. Non devi regalare un anno della tua vita allo stato
        23. Se fai l’autostop ti danno subito un passaggio
        24. Se lui ha freddo non devi dargli la tua giacca
        25. Decidi tu da che parte del letto dormire
        26. Se lo tradisci non lo capirà da un po’ di rossetto sul colletto della camicia
        27. Se vai a vivere da sola non muori di fame
        28. Nessuno si aspetta che tu faccia un lavoro pesante
        29. Non devi risparmiare per un anno per regalare al tuo lui un brillante a Natale
        30. Ti fanno sempre entrare in discoteca
        31. Spesso in discoteca hai l’entrata gratuita o comunque scontata
        32. Se vedi un film dell’orrore non devi far finta di non avere paura
        33. Puoi indossare sia la gonna sia i pantaloni
        34. Se sei bruttina puoi migliorare (un uomo brutto è senza scampo!)
        35. Se ti devono fare un regalo per il tuo compleanno hanno una scelta un po’ più ampia del solito cravatta-pullover-orologio-sciarpa-camicia-dopobarba
        36. Sai stirare una camicia
        37. Se sei a un concerto non devi prenderti in spalla il tuo fidanzato
        38. Puoi fare felice il tuo fidanzato semplicemente fingendo un orgasmo
        39. Le magliette bianche nei parchi acquatici le mettiamo di proposito
        40. Se ci fermano i carabinieri difficilmente è per farci una multa
        41. Quando sei in topless nessuno viene a chiederti come mai sei scesa in spiaggia con una flanella di lana nera
        42. Possiamo mettere un perizoma leopardato senza creare una crisi isterica di riso
        43. Non torniamo puzzolenti da lavoro
        44. Se fai la cameriera prendi più mancie di un tuo collega maschio
        45. Per un aumento di stipendio basta scoparsi il direttore
        46. Non devi avere per forza una bella macchina
        47. Se metti un paio di calzini bianchi lui non penserà che sei una sfigata
        48. Non devi essere per forza intelligente
        49. Se divorzi è lui che paga gli alimenti
        50. Nei bar affollati non devi aspettare per ore per essere servita
        51. Se aspetti per ore è perchè il barista ti sta puntando e non ti farà pagare da bere
        52. Puoi decidere come sarà tuo figlio entrando in una banca del seme
        53. Puoi decidere se tenere un figlio o no
        54. Dopo la prima non devi aspettare due ore prima di ritentare la seconda
        55. Se ci masturbiamo non sporchiamo il bagno
        56. Non passiamo gli intervalli della 5^ elementare coi nostri compagni e un righello in mano
        57. Dopo l’ allenamento non cadiamo in depressione guardando il nostro vicino di doccia superdotato
        58. Il nostro concetto di arredamento va oltre alle file di bottiglie di Jack Daniels su una mensola
        59. E.R. Medici in prima linea : George Clooney
        60. A Capodanno per divertirci non dobbiamo guardare “Cicciolina ai Mondiali”
        61. Se un uomo ci baccaglia in discoteca siamo sicuri che “ce lo dà”
        62. I preservativi alla frutta sappiamo solo noi che gusto hanno
        63. Se lui è ubriaco possiamo rifiutarci di assisterlo
        64. Se sei ubriaca non ti abbandonano
        65. Se sei sadomaso è sempre lui ad essere portato al guinzaglio
        66. Tu ne hai uno , noi ne possiamo avere quanti ne vogliamo
        67. Un uomo non conosce la gioia di quando ti arriva il ciclo dopo 10 giorni di ritardo
        68. I soldi che ti regalano per i tuoi 18 anni non servono per la tua iniziazione al sesso
        69. A parte questo conosciamo altri 100 modi per far godere un uomo
        70. Possiamo entrare in un college femminile
        71. Se hai la macchina in panne si ferma sempre qualcuno a cambiarti la ruota
        72. Sappiamo cosa vuol dire “igiene intima” e “igiene orale”
        73. Ci possiamo far crescere i capelli senza venir chiamate drogate
        74. Se ci vestiamo di rosa non ci prendono per checche
        75. Voi non avete un push-up a cui affidarvi
        76. Puoi incastrare un uomo rimanendo incinta
        77. Se uccidi un uomo durante il ciclo hai un’attenuante
        78. Se non hai voglia di depilarti metti i pantaloni. Se un uomo non ha voglia di radersi non può mettere un passamontagna
        79. C’è sempre qualcuno che ti fa un complimento
        80. Se piangi guardando un film non ti devi nascondere
        81. C’è sempre qualcuno a cui telefonare nei momenti di solitudine
        82. Le nostre macchine non sono mai parcheggiate lungo i marciapiedi di periferia
        83. Se la nostra squadra va in B non piangiamo fino al suo ritorno in A
        84. Non è mai la moglie dell’arbitro a essere cornuta
        85. Al di là del risultato contano i calciatori
        86. Se siamo basse possiamo mettere i tacchi senza che ci scambino per uno dei Cugini di campagna
        87. Il massimo del nostro divertimento non è una gara di rutti con gli amici
        88. Non dobbiamo aspettare Carnevale per vestirci da uomo
        89. Siamo convinte che non tutti gli uomini siano stupidi (è che qualcuno abbassa la media!)
        90. Potremmo smettere qua, ma stiamo parlando con dei maschi e loro continuano a sostenere che sia la quantità e non la qualità a contare…
        91. Se ci proviamo con un amico non verrà mai a dirci che abbiamo rovinato il nostro rapporto ......visto cara Amika mia?? ...                   baci.....Kattyvella....

       

    • 16 giugno 2009 16.53.32 CEST
    • Cerchiamo una spiegazione scienti-fica al fatto che non ce la da

      GIOIA,DICI:

      Cerchiamo una spiegazione scienti-fica al fatto che non ce la danno mai...

      Mè VIENE SPONTANEA Nà RISPOSTA...

      Cè UNA SPIEGAZIONE LOGIKA,ED è KE NN LA SAPETE PRENDERE

      IHHIIHIHIHIH PRRRRRRRRRR

       

       

    Legenda Icone e Regole Forum

  • Questo topic ha risposte
    Hot topic
    Topic unread
    Questo topic non ha risposte
    Topic chiuso
    BBCode  chiuso
    HTML  aperto
    Non sei abilitato/a a rispondere a questo topic
    Non sei abilitato/a a modificare questo topic
    You don't have the permission to delete a topic
    Non sei abilitato/a ad approvare post
    Non sei abilitato/a a mettere in evidenza i topic
    Non sei abilitato/a a chiudere topic
    Non sei abilitato/a a spostare topic

Aggiungi Reputazione

Do you want to add reputation for this user by this post?

o annulla