Spargi la voci

Caramelle

  • Ci sono persone che non vogliono , e non possono, essere salvate per quanto caparbiamente ci si possa provare. 

    Ci sono momenti bui per tutti, nessuno escluso, come le caramelle in negozio immenso, "tutti i gusti più uno". Basta allungare la mano sul vassoio e prenderne una con il tuo nome sopra, scartarla, sentire il profumo quando l'involucro si apre, assaporarne l'aroma, succhiarla o morderla.

    Ma prima o poi quella caramella finisce ed è una scelta prenderne un'altra o desistere, è una scelta camminare per quel grande negozio e assaggiarne un'altra.

    Ci sarà qualcuno che si ferma davanti a un gusto solo e continuerà a mangiarne, una dopo l'altra, sapendo che è sbagliato e sapendo che prima o poi ne avrà disgusto e alcuni continueranno lo stesso, rimanendo davanti a quel vassoio che non si svuota mai. 

    Perchè è più facile mangiare sempre lo stesso gusto piuttosto che cambiare vassoio e mangiarne una che magari non piace, che può sapere di calzino sporco o di anice o di cerume o di menta e liquirizia, ci sente al sicuro nel tepore morbido di una gelatina o dietro al duro croccante di una pralina.

    Già come se la sicurezza che quel sapore o quella consistenza possa durare in eterno.

    Ci sono persone che non vogliono, e non possono, essere salvate, per quanto caparbiamente si provi a portarle ad altri sapori e involucri e vassoi.

     

     

    Un soffio d'anima e che il lupo sempre Vi protegga


Commento

0 commento