Spargi la voci

Tag del blogger

I maschi e le femmine

  • I maschi vanno via.

    I maschi vanno via quando crescono e anche quando non sono mai cresciuti. Vanno e poi tornano.
    I maschi vanno via per brevi periodi, poi tornano con il borsone e il completino da calcio da lavare, con i calzini che odorano di “sono a casa”.
    Vanno via per brevi amori, grandi brevi amori e poi tornano a mettere le mutande nei cassetti di casa. I maschi vanno via quando non trovano le cose, vanno via di testa.
    I maschi vanno via e sbattono sempre la porta, anche quando la chiudono piano senti che l'hanno sbattuta perché quando vanno via si deve sentire.
    Vanno via presto i maschi, li vedi ogni giorno andare via, prepararsi per andare e poi tornare per andare via di nuovo. Poi ci sono i maschi che vedi sempre attorno, stanno lì, poggiati da qualche parte come urne cinerarie, contenitori di una ex vita, quelli sono i maschi che sono andati via tanto tempo prima in una di quelle albe nebbiose e non sono più tornati. I maschi vanno via, vanno sempre via.

    Le femmine restano.

    Le femmine restano anche mentre vanno via. Le femmine restano ancora di più quando non ci sono. Restano ovunque, nei cassetti, negli armadi, nei barattoli del caffè, scritte sulle lavagnette della spesa, nei reggiseni lasciati in bagno ad asciugare. Le femmine restano tra gli scaffali del supermercato.
    Le femmine restano ogni oltre logica. Restano mentre sono altrove, impossibili da trovare, in posti che non hanno ancora nome. Le femmine restano ferme mentre corrono dentro altre storie. Restano sempre le femmine anche se vanno via senza trucco. Restano impigliate da qualche parte con un sorriso di riserva e un tacco in mano. Restano mentre urlano e piangono al telefono. Restano come un fondo di caffè.
    Le femmine restano senza scuse o con tante scuse.

    Gli uomini e le donne che si appartengono a volte si trovano. Gli uomini e le donne che si appartengono non importa se vanno o restano, appartenersi contiene tanti verbi, possono andare via in direzioni diverse continuando a restare insieme.
    Quando decidono di staccarsi gli uomini e le donne che si appartengono non si separano si amputano chirurgicamente in stanze asettiche.
    Gli uomini e le donne che si appartengono si toccano prima di vedersi, hanno le mani intrecciate già dal primo accordo, prima ancora che diventi musica.
    Gli uomini e le donne che si appartengono a volte sono quelli andati via o quelli rimasti che si sono riconosciuti.

    m.c.m.


Commento

0 commento