Forum Quelli di ciao aMigos... Altro.......
  • Topic: IL DISINTERESSE

    Torna ai Topics
    (1 rate)
    • 01 settembre 2015 15.02.40 CEST
    • IL DISINTERESSE

      E' noto che la campana fa DIN e DON, voler spacciarne il suono come monocorda è cercare di prendere per i fondelli il lettore. Il nostro ex tuttologo elevatosi al rango di bimbominkia ci riprova, si diverte così! Potremmo regalargli un bel chupa-chupa così il mononeurone è in tutte altre faccende  affacendato. Tipico di chi non conosce la storia recente, figuriamoci quella passata, la storiella sulla Libia. A prescindere da considerazioni personali sulla questione questi sono i fatti. Le opinioni vanno sempre separate dai fatti, sovrapporle vuol dire esporre una visione personalistica (quindi opinabile) degli accadimenti.

      La prima guerra civile in Libia ha avuto luogo tra il febbraio e l'ottobre del 2011 e ha visto opposte le forze lealiste di Gheddafi

      e quelle dei rivoltosi, riunite nel Consiglio nazionale di transizione.

      Il paese, dopo aver vissuto una prima fase di insurrezione popolare (anche nota come rivoluzione del 17 febbraio), sull'onda della cosiddetta primavera araba (e specialmente dei coevi eventi relativi: la rivoluzione tunisina del 2010-2011 e quella egiziana), ha conosciuto in poche settimane lo sbocco della rivolta in conflitto civile. La sommossa libica, in particolare, è stata innescata dal desiderio di rinnovamento politico contro il regime ultraquarantennale della "guida" della "Giamahiria" (in arabo Ǧamāhīriyya) Muʿammar Gheddafi, salito al potere il 1º settembre 1969 dopo un colpo di stato che condusse alla caduta della monarchia filo-occidentale del re Idris.

      Dopo quasi un mese di scontro il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite decise, con la risoluzione 1973, di istituire una zona d’interdizione al volo sulla Libia a protezione della popolazione civile, legittimando l'intervento militare ad opera di diversi paesi avviato il 19 marzo 2011. La risposta violenta alla rivolta civile da parte di Gheddafi è duramente condannata dalla comunità internazionale. Il regime di Muʿammar Gheddafi perde l'appoggio di alcuni dei suoi più importanti diplomatici libici in Europa e nel mondo, tra cui l'ambasciatore in Italia, gli ambasciatori a Parigi, Londra, Madrid e Berlino e i diplomatici presso l'Unesco e l’ONU.

      La maggior parte degli stati occidentali condanna gli avvenimenti e le minacce di chiudere i pozzi di petrolio anche se nessuno interviene ufficialmente. L'UE procede intanto all'attuazione di sanzioni contro la Libia di Gheddafi. Il 26 febbraio il presidente degli USA Barack Obama firma una serie di sanzioni contro la Libia, tra cui il congelamento dei beni di Muʿammar Gheddafi e dei suoi familiari.

      L'Unione europea infine il 28 febbraio decide le sanzioni contro il regime di Gheddafi: il Consiglio Europeo attraverso i ministri dell'Energia dei 27 stati membri, approva l'embargo sulle armi stabilito dalla risoluzione ONU del 26 febbraio, aggiungendo anche l'embargo su tutti quegli strumenti che il regime potrebbe utilizzare nella repressione della rivolta in Libia. Inoltre, il Consiglio aggiunge il congelamento dei beni e restrizioni sui visti per lo stesso leader Gheddafi e 25 dei suoi familiari e persone della cerchia.

      Intanto le marine di numerosi stati, tra cui gli USA e Regno Unito, si posizionano nel Mediterraneo nell'eventualità di un attacco. Gli Stati Uniti studiano un piano d'azione per intervenire, valutando la possibilità di un attacco preventivo per neutralizzare le postazioni contraeree. In caso venga dichiarata una no-fly zone sui cieli libici si predispone la portaerei Enterprise con il probabile appoggio della stessa marina italiana. Il Ministro della Difesa LA Russa dichiara che potrebbe essere utilizzata la stessa Sicilia come punto strategico per far rispettare l'embargo.

      Il procuratore Luis Moreno-Ocampo della Corte Penale Internazionale annuncia l'apertura di un'inchiesta per crimini contro l'umanità in Libia, mentre Barack Obama sostiene di prendere in considerazione l'opzione militare affermando che "ciò di cui voglio essere sicuro è che gli Stati Uniti abbiano una piena capacità di azione, potenzialmente rapida, se la situazione dovesse degenerare in modo da scatenare una crisi umanitaria".L’Interpol diffonde un'allerta internazionale a tutte le polizie mondiali per facilitare le operazioni della Corte Penale Internazionale e l'attuazione delle sanzioni ONU.

      Il 9 marzo proseguono le pressioni di Francia, Regno Unito e Stati Uniti sull'ONU per l'attuazione di una zona di divieto di sorvolo sui cieli libici. Il vicepresidente Usa, Joe Biden, giunge a Mosca allo scopo di persuadere la Russia, contraria ad un attacco contro Gheddafi, a dare il consenso alla realizzazione della no-fly zone, che richiederebbe il ricorso allo stato di guerra contro Tripoli, primo passo informale verso l'apertura di un fronte di terra con l'obiettivo di sostenere i rivoltosi libici e disarcionare Gheddafi.

      Il 17 marzo il Consiglio di Sicurezza dell’ONU discute una seconda proposta di no-fly zone, avanzata dalla Francia, che viene approvata a tarda sera. La risoluzione 1973, che chiede "un immediato cessate il fuoco", autorizza la comunità internazionale ad istituire una zona d’interdizione al volo in Libia e a utilizzare tutti i mezzi necessari per proteggere i civili e imporre un cessate il fuoco forzoso,ad esclusione di qualsiasi azione che comporti la presenza di una "forza occupante". Il 19 marzo, a seguito del proseguimento delle operazioni militari libiche contro gli insorti e in ottemperanza alla risoluzione ONU, la Francia avvia l'oprazione Harmattan con le ricognizioni aeree dello spazio aereo libico da parte dei cacciaRafaele,Mirage 2000 che successivamente, alle 17:45 circa (ora di Parigi), eseguono un attacco contro le forze lealiste al regime di Gheddafi colpendo mezzi corazzati dell' esercito libico nelle zone attorno alla città di Bengasi. L'attacco è seguito, qualche ora più tardi, dal lancio di 112 missili da crociera tipo Tomahawk da parte di 25 unità navali e sommergibili statunitensi e britannici, dispiegatesi per l'Operazione Odissey Dawn.

      Nella notte tra il 19 e il 20 marzo la RAF impiega i missili del tipo SCALP (Storm Shadow) su obiettivi militari libici, lanciati da aerei Tornado GR4, decollati dalla base RAF di Norfolk (Operazione Ellamy).

      Tra i mezzi messi a disposizione per operazioni risultano anche velivoli delle forze aeree italiane, norvegesi, omanite, danesi e spagnole (i Paesi della cosiddetta coalizione partecipanti alla missione Odissea all'Alba) che però nelle prime fasi, fino al 27 marzo, non hanno effettuato in modo comprovato operazioni con l'uso attivo di missili o bombe.

      L'Italia ha partecipato inizialmente con la messa a disposizione al Regno Unito e agli Stati Uniti d'America, e alla Danimarca, delle basi aeree di Sigonella (CT) e Gioia del Colle, e con l'impiego di cacciabombardieri Tornado ECR per la soppressione delle difese aeree nemiche (tuttavia, questi aerei non hanno dovuto impiegare il proprio armamento missilistico a causa della rinuncia libica ad utilizzare mezzi di rilevazione radar, al fine di evitarne la distruzione). In seguito, dal 25 aprile 2011 in avanti, ha messo a disposizione della coalizione, e, dal 28 aprile, utilizzato, i propri cacciabombardieri Tornado IDS per colpire "bersagli selezionati" di superficie delle forze armate libiche. A tale scopo, sono stati utilizzati in seguito anche 4 cacciabombardieri AV8 Harrier II Plus, dalla portaerei Giuseppe Garibaldi, ed un'aliquota imprecisata di cacciabombardieri AMX.

      (fonte: dal web)

      Post modificato da amigossiano 05 settembre 2015 21.25.25 CEST" ____________________________________

      Buona Vita

    • 01 settembre 2015 16.47.52 CEST
    • IL DISINTERESSE

      Governo Berlusconi IV (08.05.2008 - 16.11.2011)

      Coalizione politica: PdL, Lega Nord e MpA
      XVI Legislatura

      Presidente del Consiglio

      Silvio Berlusconi

      Sottosegretari di Stato alla Presidenza del Consiglio

      Gianni Letta (segretario del Consiglio dei Ministri)

      Paolo Bonaiuti (Informazione, comunicazione ed editoria)

      Gianfranco Miccichè (CIPE) 

      Carlo Giovanardi (Famiglia, Droga, Servizio civile) 

      Aldo Brancher (federalismo, fino al 18 giugno 2010]

      Daniela Santanché (Programma di Governo, dal 4 marzo 2010)

      Andrea Augello (Pubblica amministrazione e innovazione, dal dal 4 marzo 2010)

      Laura Ravetto (rapporti con il Parlamento, dal dal 4 marzo 2010)

      Rocco Crimi (Sport)

      Maurizio Balocchi (Semplificazione normativa, fino al 14/02/2010) 

      Francesco Belsito (Semplificazione normativa, dal 22 febbraio 2010) 

      Guido Bertolaso, (Soluzione dell'emergenza rifiuti nella regione Campania dal 21 maggio 2008 al 31/12/2009; Coordinamento protezione civile in ambito europeo ed internazionale dal 4/02/2010 all'11/11/2010)

      Ministri senza portafoglio

      Rapporti con le Regioni e per la Coesione Territoriale

      Ministro: Raffaele Fitto

      Attuazione del Programma di Governo

      Ministro: Gianfranco Rotondi 

      Pubblica amministrazione e l'Innovazione

      Ministro: Renato Brunetta

      Pari opportunità

      Ministro: Mara Carfagna

      Politiche Europee

      Ministro: Annamaria Bernini Bovicelli (dal 27 luglio 2011), Andrea Ronchi (fino al 17 novembre 2010) dal 17 novembre 2010 al 27 luglio 2011 le funzioni in materia di politiche comunitarie sono esercitate dal Presidente del Consiglio dei Ministri

      Rapporti con il Parlamento

      Ministro: Elio Vito

      Riforme per il Federalismo

      Ministro: Umberto Bossi

      Gioventù

      Ministro: Giorgia Meloni

      Semplificazione Normativa

      Ministro: Roberto Calderoli

      Sussidiarietà e il decentramento (dal 18 giugno al 6 luglio 2010)

      Ministro: Aldo Brancher

      Turismo (dall'8 maggio 2009)

      Ministro: Michela Vittoria Brambilla

      Ministri con portafoglio

      Affari Esteri

      Ministro: Franco Frattini 

      Sottosegretari: Stefania Gabriella Anastasia Craxi, Alfredo Mantica, Enzo Scotti

      Interno

      Ministro: Roberto Maroni 

      Sottosegretari: Michelino Davico, Alfredo Mantovano, Sonia Viale (dal 5 maggio 2011), Guido Viceconte (dal 17 ottobre 2011), Nitto Francesco Palma (fino al 27/07/2011)

      Giustizia

      Ministro: Francesco Nitto Palma (dal 27/07/2011), Angelino Alfano (fino al 27/07/2011)

      Sottosegretari: Maria Elisabetta Alberti Casellati, Giacomo Caliendo

      Difesa

      Ministro: Ignazio La Russa 

      Sottosegretari: Giuseppe Cossiga, Guido Crosetto

      Economia e Finanze

      Ministro: Giulio Tremonti

      Vice Ministro: Giuseppe Vegas ( dal 21 maggio 2009 al 15 dicembre 2010)

      Sottosegretari: Alberto Giorgetti, Luigi Casero, Bruno Cesario (dal 5 maggio 2011), Antonio Gentile (dal 5 maggio 2011), Giuseppe Vegas (fino al 21 maggio 2009), Daniele Molgora (fino al 20 maggio 2010), Nicola Cosentino (fino al 15 luglio 2010), Sonia Viale (dal 20 maggio 2010 al 5 maggio 2011)

      Sviluppo Economico

      Ministro: Paolo Romani (dal 4 settembre 2010), Claudio Scajola (fino al 5 maggio 2010), Silvio Berlusconi ad interim fino dal 5 maggio 4 settembre 2010

      Vice Ministri: Catia Polidori (dal 5 maggio 2011), Adolfo Urso dal 30 giugno 2009 al 17 novembre 2010; Paolo Romani dal dal 30 giugno 2009 al 4 ottobre 2010) 

      Sottosegretari: Stefano Saglia (dal 30 aprile 2009), Paolo Romani (fino al 30 giugno 2009), Adolfo Urso (fino al 30 giugno 2009) Ugo Martinat (fino al 28 marzo 2009), Daniela Melchiorre (dal 5 maggio al 14 giugno 2011), Catia Polidori (dal 5 maggio 2011 al 24 ottobre 2011)

      Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

      Ministro: Francesco Saverio Romano (dal 23 marzo 2011), Giancarlo Galan (dal 15 aprile 2010 al 23 marzo 2011); Luca Zaia (da inizio legislatura fino al 14 aprile 2010)

      Sottosegretari: Roberto Rosso (dal 5 maggio 2011), Antonio Buonfiglio (fino al 17 novembre 2010)

      Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare

      Ministro: Stefania Prestigiacomo 

      Sottosegretari: Giampiero Catone (dal 5 maggio 2011), Roberto Menia (fino al 17 novembre 2010) Elio Vittorio Belcastro (dal 29 luglio 2011)

      Infrastrutture e Trasporti

      Ministro: Altero Matteoli

      Vice Ministro: Roberto Castelli (dal 21 maggio 2009), Aurelio Salvatore Misiti (dal 24 ottobre 2011)

      Sottosegretari: Bartolomeo Giachino, Mario Mantovani, Giuseppe Maria Reina (fino al 17 novembre 2010), Roberto Castelli (fino al 21 maggio 2009), Aurelio Salvatore Misiti (dal 5 maggio 2011 al 24 ottobre 2011)

      Lavoro e Politiche sociali (fino al 12 dicembre 2009 Lavoro, salute e politiche sociali)

      Ministro: Maurizio Sacconi

      Vice Ministro: Ferruccio Fazio (dal 21 maggio 2009 al 14 dicembre 2009)

      Sottosegretari: Nello Musumeci (dal 18 aprile 2011), Luca Bellotti (dal 5 maggio 2011), Pasquale Viespoli (fino all'8 ottobre 2010), Francesca Martini fino al (3 febbraio 2010), Eugenia Roccella (fino al 3 febbraio 2010), Ferruccio Fazio (fino al 21 maggio 2009)

      Salute (dal 13 dicembre 2009 ai sensi della Legge 172/2009)

      Ministro: Ferruccio Fazio

      Sottosegretari: Francesca Martini (dal 4 febbraio 2010), Eugenia Roccella (dal 4 febbraio 2010)

      Istruzione Università e Ricerca

      Ministro: Mariastella Gelmini 

      Sottosegretari: Giuseppe Pizza, Giuseppe Galati (dal 17 ottobre 2011), Guido Viceconte (dal 4 marzo 2010 al 17 ottobre 2011)

      Beni e Attività Culturali

      Ministro: Giancarlo Galan (dal 23 marzo 2011), Sandro Bondi (fino al 23 marzo 2011)

      Sottosegretario: Francesco Maria Giro, Riccardo Villari (dal 5 maggio 2011)

    Legenda Icone e Regole Forum

  • Questo topic ha risposte
    Hot topic
    Topic unread
    Questo topic non ha risposte
    Topic chiuso
    BBCode  chiuso
    HTML  aperto
    Non sei abilitato/a a rispondere a questo topic
    Non sei abilitato/a a modificare questo topic
    You don't have the permission to delete a topic
    Non sei abilitato/a ad approvare post
    Non sei abilitato/a a mettere in evidenza i topic
    Non sei abilitato/a a chiudere topic
    Non sei abilitato/a a spostare topic

Aggiungi Reputazione

Do you want to add reputation for this user by this post?

o annulla