Video

Dallo stesso membro

Almamegretta-Black Athena

Postato da FEMDOM
- Tema: " Come dice Martin Bernal, l'antropologo inglese autore di un testo che si chiama -- Black Athena -- e che ci ha ispirato il brano omonimo, - tutte le grandi civiltà sono meticce, dalla purezza nasce solo sterilità -. Questa potrebbe essere la bandiera degli Almamegretta". Ispirato al libro di Bernal, il brano "Black Athena" lancia una provocazione, ipotizzando che anticamente gli abitanti di Atena, città della Grecia, culla di una grande e antica civiltà, fossero di origine nera, "look back look back Athena was black Athena was black if you look back". Tale ipotesi presuppone che alle origini di tutte le grandi civiltà vi è un incrocio di razze e culture. Tale incrocio è alla base dell'evoluzione dei popoli, perché "dalla purezza nasce solo sterilità" e quindi senza l'incrocio di più etnie non ci sarebbero le condizioni per la reale evoluzione. - Chi parla: "l'ommo niro ca vene 'a dint' 'a jungla", " 'o figlio 'e Lumumba" . Parla il diverso, l'emarginato, l'uomo di colore che dice algi altri uomini, agli occidentali, ai bianchi: "sienteme bbuono chiammeme cu' o nomme mio", "è 'a casa mia ca è accuminciata 'a storia rinfrescate a memoria", presupponendo, quindi, origini comuni, origini africane, che hanno dato luogo, incrociando etnie europee, alle civiltà occidentali. Altro personaggio del testo è il commentatore afroamericano, il saggio che, in lingua inglese, svela la cosiddetta verità, scritta in "... quel libro polveroso ..." e cioè che "il centro del mondo è l'Africa": "... we were all Africans yes the knowledge of myself makes me a better self so pick that dusty book up off the shelf and read the truth science was created in Timbuctu center of the world in Africa the rythm of the drum comes from Africa". - A chi si rivolge: il messaggio è diretto a chi crede nella purezza della razza, al razzista, a chi non conosce la verità, a chi non ha aperto ancora gli occhi, "realise visualize open your eyes", a chi non si è visto "bbuono int' 'o specchio" e non si è "maje guardato 'nfaccia", a chi ha sempre e solo sfruttato e deriso il diverso, "l'ommo niro". Il messaggio è chiaramente provocatorio ma anche aggressivo e diretto: "se sape ca chi piglia sempe po' adda dà / pè te è 'o momento 'e spartere pè mme chillo 'e piglià". Tratto da: "Nuovi linguaggi musicali a Napoli, Il Rock, il Rap e le Posse" di Lello Savonardo per Edizioni Oxiana
Postato il 25 febbraio 2014 - Archiviato in Musica
clicca per votare

Embed  |  261 visite

Commento

9 commento